Crea sito

Se proprio ci tenete, allora pagate!

In Pensieri

Se proprio ci tenete, allora pagate!

Se proprio ci tenete, allora pagate e non protestate più se in giro per il web tutti vi chiedono un contributo per pubblicare il vostro libro, per promuoverlo, per recensirlo o anche solo per piazzarlo in una pagina di un blog qualsiasi. Come dite?

Ah sì, quel tal blog ha mille mila visite al giorno? Davvero? E questo chi lo dice? E, in ogni caso, il fatto che sul blog approdino un tot di persone quotidianamente, non è assolutamente detto che vengano a vedere proprio la vostra promozione.

Ma è una questione di visibilità. Altra baggianata. La visibilità la si ottiene nel tempo (pensate davvero che noi non ne abbiamo? Certo che sì!), con pagine che si trovano anche a distanza di anni e con contenuti sempre aggiornati.  Con questo non voglio dire che siti e blog promozionali debbano essere tutti delle trappole, anzi, ne conosco alcuni che sono estremamente ben gestiti e ben piazzati nei motori di ricerca. Ciò che voglio dire è che sono stanca di sentire i lamenti degli autori quando sono i primi a non fare nulla per cogliere le opportunità al volo. E questo brontolare cosa significa?

Ah già, le nostre promozioni sono gratuite e quindi hanno minore importanza… ma davvero lo pensate? Davvero credete che le uniche cose di valore siano quelle che pagate? E davvero pensate che se qualcosa è gratis allora non vale niente?

Se è davvero questa la vostra convinzione, allora anche noi, di MDS, dovremo rivedere la nostra filosofia, applicando tariffe anche all’aria che respirate. Tanto siamo abituati no? Siamo talmente tanto avvezzi a farci spennare come dei polli che quando veniamo trattati da esseri umani allora snobbiamo le offerte che ci fanno. Non vi sembra molto triste come concetto?

Vi vogliamo svelare un segreto, uno piccolo piccolo: se non affittate una pagina sul Corriere della Sera o non comparite in prima serata su Canale 5, allora tutto è relativo ed ogni occasione diventa buona per far circolare il vostro nome e crearvi una base che possa diventare fruttuosa. Ma se non approfittate delle occasioni che vi vengono offerte, allora non vi resta che andare a curiosare fra le tariffe che i grandi media possono proporvi e iniziare a risparmiare già da ora. Volete degli esempi?

Bene, eccoveli:

La Repubblica
Il Corriere della Sera
La Nazione
Il Messaggero

Pensate che con la TV vi andrà meglio? Vi riporto pari pari un articolo apparso su BakecaTv, scritto a febbraio, dunque piuttosto recente:

I costi non sono fissi, ma dipendono da molti fattori, ad esempio:

  • fascia oraria
  • numero di telespettatori
  • canale
  • popolarità del programma
  • posizione (uno spot mandato per primo costa di più che uno mandato dopo 2 minuti e mezzo)
  • periodo di programmazione (mese o stagione)

I prezzi più bassi chiaramente appartengono alla Rai, che essendo pubblica e finanziata in parte con il canone, non necessita di cifre astronomiche per campare. Si parte da Rai Gulp (fascia mattutina) con €84, fino ad arrivare a €2844,60 per la prima (o ultima) pubblicità su Rai Yoyo in prima serata. Prezzi ancora accessibili a un comune mortale o ad una piccola o media impresa, ma ovviamente non avranno gli stessi risultati di una pubblicità sui primi canali in fascia pre-serale. Invece, nelle prime reti Rai, in particolare Rai 1, i prezzi sono ben diversi, si parte dalle prima mattina con €7.140, fino ad arrivare all’ora di pranzo con €16.200, passando per Affari Tuoi (access prime time) con la bellezza di €53.400, giungendo infine al TG1 delle 20:00 con €58.800. Prezzi da capogiro quelli richiesti dalla prima rete pubblica, ma parliamo comunque di una media di oltre 4 milioni di telespettatori! Uno sguardo invece alle altre reti pubbliche, partendo da Rai 2prima mattina si parte con €2.460, invece nella fascia pomeridiana si sale a €8.040, fino a €11.220 nella fascia serale. Nella terza rete pubblica ci aggiriamo su una media di €11.000Rai 4Rai Premium si aggirano sui €2.000€3.000 invece per quando riguarda Rai Movie, scendendo ai €500 per Rai 5 Rai Storia, mentre per Rai News si parla di circa €720. E per finire Rai Sport, con una media di €700 nel daytime, mentre di sera si sale sui €1.500.

Nulla a che vedere con Mediaset, partendo da Caduta Libera con €52.500Striscia la Notizia €79.500Il Segreto (prima serata) €47.000C’è posta per te €71.500, Pomeriggio 5 €13.500Quinta Colonna €6.000Dalla vostra parte €5.900Quarto Grado €9.000, e per finire pubblicità contemporanea (R4, C5, I1) con la bellezza di €126.500. Ma stiamo pur sempre parlando della prime reti nazionali Mediaset, con una media di 4 milioni di telespettatori (in realtà un po’ meno della Rai), e dei programmi più seguiti del Biscione. Essendo pur sempre un gruppo televisivo privato, i prezzi tendono ad essere un pochino più alti, e le pubblicità più frequenti. Con il vantaggio di non dover pagare un canone annuale di un centinaio di euro.

Potete trovare i listini completi qui:

Rai: Listini – Rai Pubblicità
Mediaset: www.publitalia.it

Ora che vi siete fatti un’idea e che siete inorriditi di fronte a certe cifre, vogliamo tornare a più miti consigli? Se la serietà si misura solo con il prezzo, basta dirlo, non saremo certo noi a privarvi di questa illusione!

Pensateci

Related Post

You may also read!

Archivi di storia: la settimana della strage di Capaci

Condividi: Archivi di storia: la settimana della strage di Capaci   di Paolo Fiorino   22 maggio 1922 – Francis

Read More...

Serata di premiazione del Concorso Letterario “Io Racconto”

Condividi: Serata di premiazione del Concorso Letterario “Io Racconto” Si svolgerà venerdì 19 Maggio in P.zza Gramsci ad Alfonsine,

Read More...

Da domani saremo al Salone del Libro

Condividi: Da domani saremo al Salone del Libro Da domani, 18 maggio, saremo al Salone Internazionale del Libro di

Read More...

Leave a reply:

Your email address will not be published.

4 × uno =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »