Crea sito

Scrivere libri per ragazzi: Davide Cencini

In #teenreaders, Autori A - F

Scrivere libri per ragazzi: Davide Cencini

Per Davide Cencini le problematiche giovanili non sono così dissimili da quelle percepite dagli adulti, la differenza consta nel modo in cui i due universi le affrontano. Proprio per questo, l’autore sottolinea la differenza che esiste fra linguaggio semplice e povero, considerando quest’ultimo aggettivo come uno degli aspetti che caratterizzano l’imbarbarimento culturale del nostro paese. Quindi ai giovani non servono dei testi impoveriti sia nei contenuti che nello stile ma, al contrario, libri altamente qualitativi.

L’autore dei romanzi di Darkwing, classe 1981, è romano di nascita e vive a Castelfidardo. Durante il liceo si avvicina alladarkwingspadasetteocchi scrittura, in particolar modo appassionandosi al fumetto. In seguito si specializza attraverso scuole professionali e corsi di sceneggiatura. Nel 2001, sempre a un corso di fumetto, conosce la disegnatrice Rita Micozzi, che ben presto diventa sua compagna di lavoro e di vita. In seguito si affaccia alla colorazione digitale, campo in cui è interamente autodidatta. Nel 2002 inizia a lavorare sul primissimo prototipo di Darkwing, prendendo spunto da un vecchio schizzo trovato nel diario di Rita. Nel frattempo partecipa a concorsi, mostre e collabora con vari editori: Ronin Studios (“Slip Kid”), Coniglio Editore, con varie storie brevi; il risultato più rilevante a cui porta questa collaborazione è la creazione della serie erotica “Fairy Cops“, di cui potete leggere le avventure sul blog ufficiale. Tiene inoltre un corso di fumetto all’Istituto Manieri a Roma, esperienza che vive con grande entusiasmo. Nel 2008, con Kappa Edizioni, approda in qualità di colorista regolare ad Huntik Magazine, versione a fumetti del cartone animato “Huntik: Secrets & Seekers” targato Rainbow, per cui realizza diversi numeri e tutte le copertine. Collabora anche, sempre come colorista, con Massimiliano De Giovanni e Andrea Accardi, sul volume Il Viaggio di Akai #2, per Dargaud. Al momento svolge la sua attività di illustratore per Rizzoli, con la quale realizza in collaborazione con Rita numerose illustrazioni per libri scolastici, tra cui l’adattamento del romanzo The Frozen Boy di Guido Sgardoli. Con Darkwing, progetto dalla storia davvero travagliata e rimasto in gestazione per molti anni, si propone ora al pubblico in veste di scrittore, concretizzando finalmente quella che è stata fin dall’inizio la sua passione più autentica.

  • Come si scrive per i giovani?

Credo sia bene precisare innanzitutto che una buona storia può parlare a qualsiasi tipo di pubblico; un buon libro per ragazzi è fruibile anche da un adulto. Personalmente anche se scrivo per young adults ho lettori di tutte le età, da teenagers a ultrasessantenni, quindi penso che più che il target sia fondamentale la capacità di trasmettere valori universali nei propri testi, in questo modo nessun lettore ne resta escluso. Quando scrivo non penso “questo è per i giovani”, penso piuttosto semplicemente se quello che scrivo è ben costruito, se trasmette un messaggio e se è comprensibile al pubblico, di qualunque età esso sia. Detto questo, certamente scrivere per i giovani significa capire i loro problemi e le tematiche che stanno loro più a cuore.

  • Come si sceglie una particolare tematica?

Scegliere delle tematiche è la parte facile, come dicevo è sufficiente voler approfondire un tema che sentiamo importante. Il difficile è farlo in una maniera che non sia scontata. I giovani non sono poi così diversi dagli adulti, spesso hanno problemi molto simili e quindi è facile “colpirli” per chi li ha già vissuti; a essere diverso è soprattutto il sentire con cui li affrontano, rendendoli assoluti perché non sono ancora capaci di metterli in prospettiva, dato che manca loro l’esperienza di vita. Credo che un compito che spetta a un buono scrittore che si rivolge a un pubblico giovane sia di aiutarlo ad aprire gli occhi sulla complessità dell’esistenza umana, trasmettere loro saggezza e comprensione degli altri, cioè stimolarli a contestualizzare i loro problemi personali in un mondo fatto di tante altre persone che a loro volta affrontano problemi e sfide anche più grandi delle loro. Affrontando dei grandi temi, alcuni possono capire che forse i loro problemi non sono così grandi come sembrano, mentre affrontando quelli piccoli alcuni lettori possono immedesimarsi.

  • Quali sono le maggiori difficoltà che si riscontrano?

La difficoltà più grande secondo me è che a volte occorre porsi dei limiti nella scrittura, non si può fare proprio tutto quello che uno vorrebbe per non incorrere nelle “sforbiciate” degli editori.
Un’altra questione può essere il lessico. Qui ho trovato atteggiamenti discordanti tra editor e agenti, c’è chi sostiene che la scelta di parole vada semplificata al massimo per il pubblico giovane e chi invece non si pone il problema. Personalmente ritengo che i libri debbano possedere un intrinseco valore educativo e ho sempre rifiutato l’idea di impoverire di proposito i miei testi: è più che possibile scrivere in maniera sofisticata ma allo stesso tempo comprensibile e chi la pensa diversamente non fa che contribuire all’imbarbarimento culturale di questo paese. Non si dovrebbe leggere solo per intrattenimento ma anche per allenare le proprie abilità linguistiche. Altrimenti non possiamo lamentarci se la grammatica dei ragazzi si riduce a un linguaggio da sms! La scuola può dare le basi, ma gli editori devono essere parte della soluzione, non del problema! Certo, per i più piccoli si deve mantenere un registro adeguato e non si possono usare termini troppo complessi o desueti, ma non si deve mai confondere “semplice” con “povero”. Un testo può trasmettere il suo valore anche nella composizione, e può essere un valore altissimo.

  • Perché scegliere di scrivere proprio per i giovani?

Probabilmente perché mi piacciono le stesse cose, perché sento di avere qualcosa da dire e perché i ragazzi sono un pubblico fertile e interessato. Sei italiani su dieci non leggono nemmeno un libro l’anno… se non fosse per i giovani molti creativi come me sarebbero disoccupati!

Related Post

You may also read!

La settimana della strage di via d’Amelio per Archivi di Storia

Condividi: Archivi di storia: la settimana della strage di via d’Amelio. di Paolo Fiorino 16 luglio 1945 – Nell’ambito del progetto

Read More...

La settimana della presa della Bastiglia per Archivi di storia

Condividi: Archivi di storia: la settimana della presa della Bastiglia di Paolo Fiorino   9 luglio 1943 – Forze alleate eseguono

Read More...

La settimana della scomparsa di Jim Morrison per Archivi di storia

Condividi: Archivi di storia: la settimana della scomparsa di Jim Morrison di Paolo Fiorino   2 luglio 1900 – Primo volo,

Read More...

Leave a reply:

Your email address will not be published.

3 × 5 =

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Mobile Sliding Menu

Translate »