Crea sito

Maurizio Antenore e il suo Libro da Gustare – TRINACRIA ISRAEL

In Blog, Gioco di libri

Maurizio Antenore e il suo Libro da Gustare – TRINACRIA ISRAEL

Molte volte abbiamo espresso il parere che un buon libro può essere paragonato a una pietanza gustosa e ben preparata. La ricetta di un romanzo riuscito non è poi tanto dissimile da quella usata per cucinare un piatto, magari complesso. Quindi, abbinare titoli e ricette ne è la diretta conseguenza: una promozione diversa dal solito che può risultare comunque “appetitosa”.

TRINACRIA ISRAEL e AL MAQLUBA

Descrivere il mio libro paragonandolo a…
… una pietanza, un primo piatto o semplicemente un dolce rappresenta un tema difficile da svolgere nel contesto di questa pubblicazione.
HEDULIS non è unicamente la narrazione di tre Entità che convivono ed evolvono a fianco dell’Umanità e di tutti gli esseri viventi in cui atto finale è l’accoglimento, in una forma di simbiosi, delle anime dei defunti, ma rappresenta la sofferta analisi della più anziana delle tre Sorelle, un sospetto che la sconvolge a tal punto da indurla a desiderare la fine alla sua stessa esistenza.

TRINACRIA ISRAEL

 

 

AL MAQLUBA

prima di descrivervi una ricetta, vi invito a cliccare su questo link: www.anordestdiche.com dove potrete acquistare un ricettario con i piatti tipici palestinesi. Mi è piaciuto il commento iniziale che apre la presentazione di questo ricettario: “Pop Palestine è anche un libro profondamente politico, proprio perché di politica non parla.

Perché ci restituisce una Palestina viva, turistica: quella che qualcuno vorrebbe cancellare prima ancora che dalle mappe, dalle possibilità di viaggio e dagli itinerari. La Palestina invece resiste e gode (del cibo, della vita) proprio grazie a una cultura e un’identità che si esprimono – in assenza di altre dimensioni – soprattutto nella cucina che prende forma tra i fornelli di casa e dei mercati.

L’obiettivo di proporre una ricetta che si avvicinasse ai gusti italiani, con quel non so ché di ingredienti e preparazione sì similari ma con quello spirito esotico che sta entrando nelle nostre abitudini alimentari, ritengo di averlo raggiunto con la AL MAQLUBA (tradotto: rovesciato, rigirato).

È una paella araba, in origine preparata con gli avanzi, come d’altronde facevano abitualmente le nostre nonne, e divenuta un rispettabile piatto da proporre in occasioni speciali; infatti tutti gli ingredienti proposti sono lavorati freschi.

Ingredienti

– 500 g di melanzane
– 500 g di carne di agnello o di pollo (meglio l’agnello), tagliata come per lo spezzatino
– 8 bicchieri di acqua
– 1 cucchiaio di sale
– 50 g di pinoli
– 50 g di mandorle crude
– 300 g di riso, preferibilmente a chicchi allungati
– 100 g di burro, se possibile quello arabo che si trova nei negozi di prodotti orientali
– 1 cucchiaino di fulful bahar (una miscela di spezie simile al curry con pepe)
– 1/2 cucchiaino di zafferano
– 2 anche 3 bicchieri di olio per friggere.

Preparazione

Sbucciare le melanzane e tagliarle a fette rotonde, non più spesse di un centimetro.
Friggerle a fuoco moderato e disporle su un piatto con della carta assorbente.
Lavare bene la carne e bollirla a fuoco lento, eliminando la schiuma a mano a mano che si forma, poi aggiungere le spezie, il sale e coprire col coperchio.
Lasciar cuocere per mezz’ora e successivamente separare la carne dal brodo.
Nel frattempo lavare il riso più volte e scolarlo.

Ungere una casseruola non troppo fonda con un po’ di burro, e disporvi gli ingredienti a strati. Cominciare con la carne, poi le melanzane fritte e infine il riso, distribuito in modo uniforme. Aggiungere il brodo, lentamente per non disfare gli strati, fino a che tutti gli ingredienti siano coperti per almeno due centimetri.
Rimettere il coperchio e cuocere a fuoco alto per cinque minuti, abbassare il fuoco e continuare la cottura per altri 25-30 minuti.
Spegnere e lasciar riposare un paio di minuti.

A questo punto togliere il coperchio, appoggiare sulla pentola un piatto da portata, e far scivolare il contenuto sul piatto, come se fosse uno sformato.
Sollevando la pentola lentamente la MAQLUBA apparirà nella sua forma abituale.
Guarnire infine con i pinoli e le mandorle precedentemente dorati nel burro.
La MAQLUBA si può servire così com’è o con insalata araba, ma generalmente si mangia con uno yogurt abbastanza cremoso.

Leggi il resto della ricetta su www.infopal.it

Trama del Libro

“Israele; anno 2015. Sarah è una ragazza Israeliana innamorata di un suo coetaneo, residente dall’altro versante di quella barricata che divide due mondi opposti: “la Striscia”. Uscita dall’isolamento del gruppo Haredim, fondamentalisti religiosi che plasmano la loro vita applicando alla lettera la dottrina della Torah, inizia la sua avventura appassionata, da sognatrice ma che precipiterà in un dramma senza ritorno, dai toni foschi e imprevedibili. Tutto ruota nell’ambito di un “universo parallelo”, almeno così l’ho immaginato, dove Palestina e Israele non esistono nella configurazione attuale; gli eventi si svolgono in Italia o almeno, ciò che ne rimane…”

Questo racconto è ambientato in un immaginario spazio temporale alternativo dove gli eventi seguenti all’8 settembre del 1943, plasmano un destino completamente diverso dell’Italia. Alla fine del conflitto parte dei territori Italiani sono spartiti fra le nazioni vittoriose di confine, Francia e Jugoslavia, mentre la Sicilia è offerta agli ebrei come
saldo morale per l’olocausto subito dalla tirannia nazi-fascista, divenendo il Nuovo Stato Israeliano.

Anche se il blog de: “IL MONDO DELLO SCRITTORE” non prevede di aggiungere altro, propongo una piccola deviazione di programma; l’autore della ricetta consiglia di gustare il piatto ascoltando una tipica canzone: Ghanili Shway Shway.

Non so se questa musica, rintracciata su YOUTUBE, possa soddisfare i gusti degli italiani; il testo è in arabo o nella lingua di origine della cantante (almeno credo), incomprensibile sicuramente per la maggior parte di noi, ma il video lo trovo suggestivo e la voce della cantante Libanese è incantevolmente melodiosa.

Qualcosa di romantico in un mondo da mille e una notte …

Dettagli del Libro:

ISBN: 9788893069380
Formato: ebook e cartaceo
Genere: Narrativa
Anno: 2015
Pagine: 204
Sito Web: Visita il sito web del libro

 

Related Post

You may also read!

La settimana della strage di via d’Amelio per Archivi di Storia

Condividi: Archivi di storia: la settimana della strage di via d’Amelio. di Paolo Fiorino 16 luglio 1945 – Nell’ambito del progetto

Read More...

La settimana della presa della Bastiglia per Archivi di storia

Condividi: Archivi di storia: la settimana della presa della Bastiglia di Paolo Fiorino   9 luglio 1943 – Forze alleate eseguono

Read More...

La settimana della scomparsa di Jim Morrison per Archivi di storia

Condividi: Archivi di storia: la settimana della scomparsa di Jim Morrison di Paolo Fiorino   2 luglio 1900 – Primo volo,

Read More...

Leave a reply:

Your email address will not be published.

dodici − dieci =

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Mobile Sliding Menu

Translate »