Crea sito

Intervista un blogger: Anna Cibotti

In Blog

Intervista un blogger: Anna Cibotti

banner anna

Anna Cibotti è una blogger atipica, anche nel suo blog mette il suo essere artista sia nella struttura che nella grafica e nei contenuti. Insomma è un blog “fuori dagli schemi”, quello che Anna ci propone, in cui trovare i suoi commenti espressi nella sua poliedricità

  • La prima domanda che ti poniamo è il perché della scelta di quel particolare nome al tuo blog. Cosa lo ha ispirato e da dove è nata l’idea del logo che ti rappresenta.

Sono semplicemente le iniziali del mio nome e l’idea l’ha realizzata il poeta Andrea Leonelli.

  • Parliamo dell’aspetto estetico in senso puramente generico, ovvero la scelta dei colori e della grafica. Qualcuno ha contribuito alla realizzazione oppure è tutto frutto del tuo gusto personale?

Mi sono rivolta, come sopra, alla capacità di Andrea Leonelli

  • È stata la passione verso i libri a spingerti ad affrontare questa avventura?

Ovviamente. Ho voluto creare un blog per dare visibilità ai miei dipinti, poesie e racconti.

  • Quali sono state inizialmente le maggiori difficoltà che hai dovuto affrontare?

Non ho avuto particolari difficoltà. Una volta capito il funzionamento è stato semplice.

  • Quale impronta ha il tuo blog? Tratti un genere specifico oppure non hai preferenze?

Nel mio blog, oltre a me, c’è spazio per tutti gli autori e artisti emergenti di cui spesso metto in evidenza e condivido le loro opere. Un’impronta, direi… condivisa.

  • Tenendo conto del tempo che un blog richiede per poterne avere cura, hai dei collaboratori che possono aiutarti nella gestione ed, eventualmente, come ricade la tua scelta su chi possa essere un valido aiuto?

Non ho una presenza costante, vado a momenti e non mi avvalgo di collaboratori. Ma sono certa che se ne avessi bisogno, saprei a chi rivolgermi.

  • Con che frequenza escono gli articoli sul blog e quali sono gli argomenti che prediligi?

Non troppo spesso. Recensioni e articoli che riguardano l’editoria, la lettura, la pittura e la fotografia, sono fra i tanti, gli argomenti che mi interessano.

  • Da dove trai spunto per gli articoli?

Qua e là nei vari gruppi di Facebook e navigando in Internet.

  • Nel corso della vita del blog c’è un episodio di cui vai particolarmente fiera? E in che occasione un tuo post (o una qualsiasi altra azione) ti ha creato difficoltà?

Nessun episodio in particolare. Sono sempre fiera. Difficoltà? No, non ne ricordo nessuna.

  • Facciamo un po’ di promozione. Oltre al blog, collegato ad esso, hai anche pagine e profili sui social?

Si. Un profilo facebook e una pagina.

  • Ancora un po’ di pazienza, abbiamo quasi finito, cosa ne pensi degli esordienti italiani? 

Ho letto molti libri, romanzi e poesie, degli esordienti e sinceramente ne ho trovati alcuni veramente validi. Pochi.

  • Hai suggerimenti da dare a coloro che desiderano trovare spazio nel tuo blog?

No…valuto al momento.

  • E, per concludere, cosa ne pensi dell’editoria italiana?

Per non dire “no comment”, dico che non me ne intendo.

 

Related Post

You may also read!

Quando leggere libri era una scusa per mangiare e ubriacarsi

Condividi: Quando leggere libri era una scusa per mangiare e ubriacarsi I “book club” del ’700 riunivano appassionati di

Read More...

Al via la prima edizione del Concorso letterario “Racconti Abruzzo-Molise”

Condividi: Al via la prima edizione del Concorso letterario “Racconti Abruzzo-Molise” Ecco il bando del Concorso letterario gratuito “Racconti

Read More...

Andiamo in pausa ma non per molto

Condividi: Andiamo in pausa ma non per molto Andiamo in pausa ma non per molto e, in realtà, senza

Read More...

Leave a reply:

Your email address will not be published.

diciotto + 2 =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »