Crea sito

Intervista al cantautore Luca Tudisca

In Blog, Iniziative

Intervista al cantautore Luca Tudisca per Il Mondo dello Scrittore

“La musica mi aiuterà più delle parole”

“Cinquant’anni sono tanti
sono tante quelle volte in cui pensavo di scappare
meritare un’altra vita
ma ad ogni via d’uscita c’eri tu
la mia gioia senza tempo
cinquant’anni sono pochi se io ancora non li sento.”

Questa è una delle strofe del brano “Dialogo” che ha sancito l’esordio del giovane cantautore Luca Tudisca, ex allievo dell’Edizione 2015 di Amici di Maria De Filippi. Tutti gli anni questa trasmissione, che è  anche una Scuola d’arte a tutti gli effetti, sforna talenti che meritano di uscire allo scoperto. Noi, del Mondo dello Scrittore, abbiamo voluto intervistarne uno in particolare.

Luca Tudisca

Luca è un ragazzo che insegue un sogno, simile a quello di noi scrittori; ha una storia bella e autentica, tutta sua, fatta di note e di melodie, ma soprattutto di passione per l’arte di scrivere e per la musica. Arrivare a regalare emozioni alle persone non è semplice, ma lui, con le sue canzoni ha provato a farlo. E ci è  riuscito. Comporre testi propri, permette a un cantante di aprire un varco nel cuore di chi è attento ad ascoltare. Noi pensiamo che scrivere musica sia un po’ come raccontarsi sulle pagine di un libro…

Come nasce la tua passione per la musica? Quanto è fondamentale per te suonare la chitarra?

La mia passione per la musica nasce fin  da piccolo. Non so spiegare come e perché. Mi faceva stare meglio. Ho sempre sentito la necessità di creare un posto solo mio e la musica mi permetteva di farlo.
La chitarra per me è fondamentale, ho iniziato a scrivere proprio quando ho iniziato a suonarla, è impensabile vedermi senza.luca

Cosa ispira maggiormente i tuoi testi? Abbiamo letto nella tua biografia che, quando scrivi, è come se si verificasse una sorta di magia. Parlaci dell’alchimia che si crea tra note e parola scritta.

È difficile rispondere ad una domanda così. Il concetto è un po’ astratto. È questione di sensazioni, di come il tuo stato d’animo si sposa con ciò che ti sta attorno. Credo che per scrivere non sia necessario un bel panorama, un bel tramonto o una vista sul mare, ma non solo, la magia dipende da quanto sei disposto ad aprire te stesso rispetto a ciò che ti circonda. Questo insieme di presupposti, secondo me, ti porta a scrivere canzoni, libri e poesie.

11313095_645087485592736_8160095848850524388_oTi aspettavi di raggiungere uno step così importante come la Scuola di Amici di Maria de Filippi? Cos’hai provato quando una cantante del calibro di Elisa ti ha voluto nella sua squadra?

Entrare a fare parte della scuola di Amici è stata una grande soddisfazione, un po’ come se fossi stato ripagato da un percorso difficile. È stato un motivo di orgoglio.  Ringrazio Maria per avermi dato quest’opportunità.
Lavorare con Elisa è stato incredibile, non me lo sarei mai aspettato. Amo il suo modo di fare musica e la sua sensibilità. Questa esperienza la porterò con me, per sempre.

11800416_671635592937925_789938951800133510_nCantare le proprie canzoni, arrivando dritto al cuore della gente, deve essere un’emozione impagabile per un cantautore. Cosa provi quando sali sul palco?

Sul palco sono io. Riesco a essere me stesso, a stare bene, e comunque a sentire tutto quello che provo. Trovo sia più difficile la vita di tutti i giorni, ma dato che non si può vivere su un palco dovrò adeguarmi.

Quale messaggio ti sentiresti di dare ai ragazzi che, come te, inseguono un sogno?

Il consiglio che posso dare è quello di credere in ciò che fanno, indipendentemente dalle “tendenze”  del momento, di essere autentici e di fidarsi del proprio istinto.

In uno dei tuoi brani: E intanto, scrivi: “la musica mi aiuterà più delle parole”. In questa frase abbiamo letto parte del tuo legame stretto con l’arte musicale e, inoltre, la sensibilità che ti contraddistingue. Quanto pensi possa influire il tuo modo di vedere il mondo sulle tue canzoni?

“La musica mi aiuterà più delle parole”. È vero, perché per me è così! Tutto quello che non riesco a esprimere normalmente nella vita di tutti i giorni lo scrivo nelle canzoni. Il mio modo di vedere il mondo è la musica che scrivo.

luca-tudisca2Parlaci di “Dialogo”, il pubblico adora questa canzone che ha sancito il tuo esordio. Questo componimento raccoglie sfumature poetiche e romantiche sotto molti punti di vista. In quale momento della tua vita l’hai scritta? A chi regalerebbe la luna Luca Tudisca, se potesse?

“Dialogo” è stato un pezzo scritto per caso. Ho conosciuto una coppia di anziani che stavano insieme da 50 anni e ho immaginato come rappresentare un’unione stretta da così tanto tempo. Anche se, in realtà, sono forse troppo giovane per poterlo capire a pieno. Mi sono divertito a ritrarre alcune situazioni immaginarie della loro vita quotidiana: le liti, i dispiaceri, e nonostante questo, la voglia di continuare un percorso, svegliarsi tutti i giorni con quella stessa persona accanto.
Se potessi regalerei la luna a… top secret!

Sulla tua fan page di Fb hai annunciato di recente una versione inedita unplugged… “sul TETTO!” Ti va di darci qualche anticipazione?

Dialogo sul tetto perché avevo pensato di fare il video su un tetto… naturalmente con la luna!

Quali sono i tuoi progetti futuri?

I miei obiettivi? Dunque… vivere di musica, scrivere canzoni ed essere felice!

Grazie per essere stato con noi Luca. Vorremmo sottolineare la disponibilità con la quale ti sei dedicato alla nostra intervista. Nei tuoi testi si respirano i valori e la speranza nel futuro, ma anche l’autenticità dei sentimenti di cui tutti abbiamo bisogno.

Link alla fan page di Fb

12189627_701703249931159_5699011049066707919_n

 

You may also read!

Antonio Nonnis e il suo Libro da Gustare

Condividi: Antonio Nonnis e il suo Libro da Gustare Molte volte abbiamo espresso il parere che un buon libro

Read More...

Archivi di storia: la settimana della legge Merlin

Condividi: Archivi di storia: la settimana della legge Merlin di Paolo Fiorino 18 settembre 1938 – Benito Mussolini legge per la prima

Read More...

La presa di Roma

Condividi:   La presa di Roma di Alessandro Cirillo   Un certo Edmondo De Amicis, all’epoca giovane ufficiale del

Read More...

Leave a reply:

Your email address will not be published.

1 × tre =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »