Crea sito

Cover Cup girone 12: la cover vincitrice

Intervista a Filippo Gigante, vincitore della Cover Cup girone 12 con la copertina di “La piscina delle mamme”

  1. La tua cover ha vinto la nostra Cover Cup, che sensazione ti da sapere che è stata scelta fra altre4sette copertine?

Il sapere che il pubblico abbia scelto la copertina del mio romanzo “La Piscina delle Mamme” mi rende felice e soddisfatto della stessa scelta grafica, da me voluta, per rappresentare al meglio la veste editoriale del libro. La cover è nata da un attento e doveroso brainstorming con i miei fratelli Davide e Mirko, rispettivamente professionisti nel campo della grafica e delle riprese e del montaggio video. Sono fiero del nostro lavoro e della votazione degli utenti e spero che prossimamente possa piacere anche la cover del mio nuovo romanzo in stesura.

  1. La cover è il biglietto da visita di ogni libro e ne dovrebbe caratterizzare il contenuto, la tua che cosa rappresenta?

In questo caso la cover è due volte sinonimo di biglietto da visita. Con un occhio attento ai dettagli è possibile riconoscere dalla grafica sia l’autore del romanzo, sia l’autore della copertina. I miei romanzi, infatti, sono riconoscibili grazie ad un dualismo tra due colori e da tre elementi in evidenza. In BIANCO E NERO, mio romanzo d’esordio, vi è uno strappo di pagina che divide, per l’appunto, il bianco dal nero e sono presenti tre piume in copertina. Sulla copertina de LA PISCINA DELLE MAMME un’onda divide il bianco dall’azzurro e al centro risaltano tre bolle in acqua.

  1. Alcuni, talvolta, scelgono un’immagine per la loro cover che esprima il loro pensiero, per te che significato ha questa particolare immagine?

Ogni copertina dei miei romanzi rappresenta la leggerezza di un pensiero: piume, bolle e presto nuovi e tre elementi caratterizzeranno la grafica del nuovo romanzo.
La cover è anche la rappresentazione di uno dei messaggi finali che è possibile cogliere a fine lettura del libro.

  1. Spesso vengono proposte diverse alternative, tu hai avuto difficoltà nello scegliere?

Sì, è vero sono nate diverse copertine per questo romanzo e per la scelta ufficiale ho voluto far votare gli utenti di Facebook e Twitter con un sondaggio che presentava ben tre copertine diverse tra loro.
In esclusiva, per voi, la copertina ufficiale affiancata dalle alternative:

piscinamammaoption

  1. Molti scelgono di avvalersi di un grafico, altri lasciano fare alla Casa Editrice, altri ancora preferiscono provvedere personalmente, nel tuo caso, chi ha deciso per questa cover?

Per quasi tutti i miei lavori preferisco lavorare, nell’ambito grafico, con mio fratello Davide e con la mia cara amica Francesca Daleno. La mia attuale ed innovativa casa editrice “Lettere Animate” sostiene le mie idee e questo mi permette di sentirmi libero da ogni vincolo. E i lettori, come già detto, sono parte integrante della scelta ufficiale. I loro commenti sono sempre importanti.

  1. Con il tempo, a volte, cambiano le prospettive e le esigenze, tornando indietro la sceglieresti ancora?

Sì, sceglierei nuovamente la stessa copertina. Forse, nel libro, avrei aggiunto due illustrazioni in più ma sono comunque soddisfatto del risultato finale.

  1. Alcune copertine vivono di vita propria e potrebbero raccontare una storia parallela alla trama del romanzo che rappresentano, hai qualche aneddoto particolare riguardo alla tua cover?

Sicuramente volevamo creare una copertina che sintetizzasse al meglio il titolo del romanzo attraverso l’uso di linee e forme morbide, essenziali.
Una piscina simbolica che invita ogni lettore a tuffarsi tra le pagine della storia di vita, nascita e rinnovamento di Olga e Berta le due protagoniste, tutte da scoprire, del romanzo “La Piscina delle Mamme”.
Un sentito grazie a tutto il team de “Il mondo dello scrittore” e buone letture a tutti!

Link all’acquisto: Amazon

Related Post

Leave a reply:

Your email address will not be published.

cinque × 5 =

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Mobile Sliding Menu

Translate »