Crea sito

Come segnalare un evento

In Aiuti

Come segnalare un evento e non far impazzire i blogger

pizap.com14486819357991

di Irma Panova Maino

Spesso gli autori presenziano a degli eventi in cui sono direttamente coinvolti i loro libri e di queste manifestazioni nessuno sa nulla, se non qualche prescelto che è stato contattato attraverso un qualsiasi social. In questo articolo vorremmo far presente agli autori che la visibilità la si ottiene anche coinvolgendo il mondo che esiste al di fuori del ristretto cerchio formato da un social network e che non sempre un evento, promosso attraverso facebook, google o twitter può avere una risonanza tale da esservi realmente di aiuto. Di solito, i blog esistono anche per questa funzione.

Un blog letterario esiste anche per promuovere questo genere di eventi, non solo per scatenare una qualche polemica, con l’articolo spinoso di turno o per calamitare l’attenzione degli utenti, attraverso l’intervista allo scrittore famoso o, peggio ancora, per blandire l’ego dello scrittore esordiente. Parliamoci chiaro, il traffico presente sul proprio blog dà modo al blogger di poter monetizzare tale afflusso e di indicizzare il proprio spazio in modo migliore. Tuttavia, a parte queste considerazioni, la realtà di un blog letterario si costruisce anche attraverso la possibilità di dare informazioni su quanto accade agli autori, sia prima che dopo un evento.

Quindi cosa dovete fare?

Il modo più semplice, per poter avere spazio sulle pagine di un blog, è quello di inviare un “comunicato” che possa racchiudere tutte le informazioni necessarie per dare risalto a ciò che vi apprestate a fare. Ma non solo. Tale comunicato deve contenere:

1) Indirizzo (completo) e data dell’evento. – Dite che è scontato? Non lo è affatto. In molti casi gli autori si dimenticano di inserire la provincia in cui l’evento ha luogo… e pensate davvero che tutti gli italiani conoscano il nome del paesino Vattelapesca, situato in qualche borgo sperduto? Beh, certo, che ci vuole? Basta digitare l’indirizzo su google maps e il gioco è fatto. Non è così, l’utente è pigro e non ha voglia di giocare alla caccia al tesoro. Quindi se volete che le persone arrivino fino a voi, mettete un indirizzo completo con tanto di capoluogo di provincia, data e orario.

2) Una locandina. – Di solito le locandine vengono create appositamente per una presentazione, per un premio o una qualsiasi manifestazione. Quindi fatevela mandare da chi si occupa dell’organizzazione e includetela nel  vostro file. Non inserite l’immagine in un pdf o in un foglio di word perché poi diventa disagevole dover riconvertire i file ed estrapolare le immagini. Allegate, quindi, la locandina come file immagine.

3) Una serie di link. – Link all’evento, se creato su facebook o su altro social. Link all’organizzazione che si occupa dell’evento stesso. Link alla biblioteca o libreria (di solito esiste) per dare modo di promuovere anche la location che vi ospita, se non altro per una forma di rispetto. Link al vostro libro, quando si tratta di una presentazione, e link di acquisto allo stesso libro. Link alla pagina dei risultati della premiazione, quando vi conferiscono un riconoscimento.

4) Un articolo. –  Minimo 300 parole, che possa descrivere l’evento e, nel caso in cui la segnalazione arrivi postuma, una sintesi di quelle che sono state le vostre sensazioni ed emozioni. Evitate di fare l’elenco della spesa citando i presenti, come se steste nominando i giocatori di una squadra di calcio. Citare gli organizzatori, eventuali ospiti e guest star va bene, ma è necessario condire il tutto in modo che l’articolo diventi personale e non una semplice radiocronaca.

Come dicevamo prima, tutto questo non è scontato. Capita sovente che gli autori contattino noi amministratori dicendo: “Sai… ho vinto un premio…”

E quindi? Certo, ne sono felice ma…

La sola informazione non basta se non è corredata da quanto descritto più sopra. Così come non basta farne menzione in una conversazione nelle chat. Se volete essere presi sul serio, allora agite con più accortezza e datevi da fare per fornire ai blogger tutto il materiale pronto, in modo che non debbano inventarsi delle assurdità per riempire gli spazi. Se volete inviare a noi il vostro materiale, non dovete fare altro che allegarlo in una email che manderete al seguente indirizzo: [email protected]. Saremo più che lieti di ospitarvi fra le nostre pagine.

Related Post

You may also read!

Il figlio della colpa

Condividi: Il figlio della colpa di Fabrizio Peronaci link all’acquisto Una suora alle prese con un trauma terribile, un

Read More...

La settimana della strage di via d’Amelio per Archivi di Storia

Condividi: Archivi di storia: la settimana della strage di via d’Amelio. di Paolo Fiorino 16 luglio 1945 – Nell’ambito del progetto

Read More...

La settimana della presa della Bastiglia per Archivi di storia

Condividi: Archivi di storia: la settimana della presa della Bastiglia di Paolo Fiorino   9 luglio 1943 – Forze alleate eseguono

Read More...

Leave a reply:

Your email address will not be published.

sedici − tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mobile Sliding Menu

Translate »