Crea sito

Intervista a Marco Trogi

Intervista a Marco Trogi, a cura di “Il Mondo dello Scrittore”

Racconta la tua esperienza come autore

Camaiore, 25 dicembre 12078 - Fantascienza
Camaiore, 25 dicembre 12078 – Fantascienza

Ho scritto il mio primo libro, “Persone che non c’erano”, dopo un’esperienza personale che ha visto, mia figlia più grande e di conseguenza l’intera mia famiglia, al centro di una brutta vicenda nata da un infelice incontro su un social network.

Che cosa ispira il tuo modo di scrivere
La voglia di vivere nuove avventure, poiché quando scrivo, io vivo le stesse vite che descrivo.

Parla della trama del tuo libro
Una piccola cittadina, per l’appunto, Camaiore, il paese dove vivo, viene investita in una notte da un misterioso fenomeno fisico di immensa portata, che sposta avanti nel tempo, di ben diecimila anni, il cuore del suddetto paese assieme ai suoi abitanti. Capirete che la cosa, oltre ad apparire ai protagonisti come un qualcosa di incomprensibile e assurdo, comporterà una serie di grandi problemi di carattere sociale e di pura sopravvivenza, considerando soprattutto che, nel periodo dove questa piccola comunità verrà scaraventata, la terra è ritornata ad essere un pianeta selvaggio e completamente da riscoprire, in quanto apparentemente, non solo non c’è più traccia di esseri umani ma il pianeta sembra essere popolato da specie animali conosciute, ma indubbiamente più evolute e pericolose. La fantascienza, in questo caso, è un semplice veicolo, un pretesto per parlare delle persone e dei loro problemi quotidiani di ! fronte a una improvvisa mancanza di quella scontate comodità che la società moderna ci offre. Il tutto per arrivare alla conclusione che, il vero progresso di una civiltà non è una questione di scienza o di tecnologia ma semplicemente di coscienza e consapevolezza. Nel romanzo c’è dentro, quindi, avventura, sentimenti e spunti di riflessione, il tutto narrato con un certo spitirito, tipico di noi toscani, che riusciamo a trovare sempre un lato comico in tutto, anche nelle peggiori situazioni. Vi anticipo solo un inaspettato finale, secondo me, però, molto bello.

I tuoi personaggi prendono spunto da alcuni lati del tuo carattere
Sì e non solo, spesso mi guardo intorno e ritraggo persone conosciute che mi attraggono particolarmente, cambiandogli naturalmente nome e contesto.

Prediligi un genere specifico oppure la tua scrittura spazia in altri campi
Amo molto la fantascienza plausibile, quella che quasi sicuramente un giorno diverrà futuro.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro
Non lo so. Al momento ho appena terminato di scrivere un nuovo libro, domani potrà essere che mi rimetto a dipingere o a suonare, non lo posso saperein questo momento. Sono una persona poco prevedibile e difficilmente omologabile.

Cosa consiglieresti a un autore esordiente
Questo è il mio motto: Io voglio, io posso, io devo.

Link all’acquisto – IBS

Related Post

Leave a reply:

Your email address will not be published.

4 × 3 =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »