Crea sito

Pezzica Cristina

Una collana di perle

Link all’acquisto
Youcanprint

Trama
“Una collana di perle” è un’antologia di racconti di generi e argomenti diversissimi, suddivisi per colore; Perle Rosse (storie d’amore), Perle Bianche (storie di animali), Perle Verdi (storie di viaggio) e Perle Nere (storie del mistero e dell’orrore). Frammenti di esistenze, sussulti del cuore, emozioni che si intrecciano per un breve istante; “Una collana di perle” è un momento condiviso nel tempo, un simbolo, un raccoglitore di immagini, suoni e visioni anche molto distanti fra loro.

Le perle in breve…

La sezione “Perle Rosse” (storie d’amore fluff) comprende i racconti;
“Dono d’amore” – Quando il giovane imprenditore Rodolfo incontra Amira, un’immigrata dal sorriso dolcissimo, il suo mondo e tutte le sue certezze sembrano andare in frantumi. Solo di una cosa è sicuro; nel suo futuro c’è lei, quella donna dagli occhi luminosi e dai capelli scuri che gli ha rubato il cuore. Ma il razzismo e l’odio della sua famiglia nei confronti di chi è “diverso”, come Amira, riusciranno a urlare più forte dell’amore? Rodolfo è convinto di no. Finché un terribile incidente…
“Conchiglie” – Marina è una teenager con un sogno; diventare oceanografa, come i suoi genitori, morti quando lei e la sorella gemella Azzurra erano piccole. Purtroppo, l’anno dell’esame di maturità si rivela un incubo per Marina; scopre che il suo ragazzo “storico” la tradisce con un’altra, e di colpo è come se la vita avesse perso il suo smalto. Marina sprofonda nella depressione, ma la voce del mare le sussurra che forse, per lei, c’è ancora una speranza di trovare l’amore…
“Un sogno da film” – Gino è un impiegato di mezz’età appassionato di film. Passa tutto il tempo libero al cinema, oppure davanti alla tivù di casa sua, a riguardarsi i film più belli dell’epoca d’oro di Hollywood. Ha perfino un’attrice del cuore, la conturbante diva francese Catherine Declaire. Gino vorrebbe tanto vivere come il protagonista di un film… finché un incontro inaspettato, che sembra uscito da “Notting Hill”, gli farà capire molte importanti verità su sé stesso e sulla sua vita. Ma sarà stato davvero solo un sogno?

La sezione “Perle bianche” (storie sugli animali) comprende i racconti:
“Sorpresa Natalizia” – E’ la vigilia di Natale e Antonio è in crisi; ha perso l’anello di fidanzamento che voleva regalare alla sua adorata Tiziana! Ma proprio mentre è alla ricerca dell’anello perduto, un flebile miagolio proveniente dal parafango di un’auto attira la sua attenzione; là dentro, intrappolato, c’è un gattino microscopico, completamente solo. Antonio avrà il coraggio di abbandonarlo al suo destino? E Tiziana, come reagirà a quell’imprevisto? Forse il segreto è racchiuso in un globo di neve con cui un vecchio gatto dalla pelliccia folta sta giocando, nel salotto di due anziani coniugi (lui rubicondo e barbuto, lei rotondetta e sorridente), mentre fuori infuria la tempesta…
“Specie diverse, razze diverse” – Maisha è una leonessa sterile che vive in una riserva naturale nel Serengeti. Per tutta la sua vita non ha desiderato altro che dei leoncini da accudire, ma si è rassegnata all’idea di non poter mai avere una famiglia sua. Quando il suo branco si imbatte in una giovane antilope orfana, tuttavia, Maisha decide di sfidare le leggi della natura e adottare la cucciola, anche se appartiene a un’altra specie, anche se Maisha è una carnivora e l’antilope dovrebbe essere la sua preda. Ma può una leonessa prendersi cura di un’antilope? Maisha ci vuole provare a tutti i costi. Gli altri leoni, invece…
“La Strega” – In un borgo sperduto e arretrato arriva un giorno una misteriosa straniera dagli abiti stravaganti, dal trucco troppo acceso, dai modi strani; una donna che vive sola, con l’unica compagnia di un gatto nero sinistro e inquietante a cui lei si rivolge proprio come se fosse una persona. Ben presto, fra gli abitanti del paese cominciano a diffondersi paure e superstizioni. La straniera, dicono alcuni, proviene da un paese dell’entroterra Ligure di nome Triora, che un tempo era abitato dalle streghe… e proprio la nomea di strega diventerà appannaggio della misteriosa visitatrice, che forse nasconde più di un segreto.

La sezione “Perle verdi” (Storie di viaggio) comprende i racconti:
“Viaggio nel tempo… sui sentieri di Rossiglione” – Inizia come l’avventura senza tempo del “Polar Express” questo viaggio su un treno storico a vapore, che sembra essere comparso dalle nebbie del passato e che si snoda per le campagne liguri sotto gli occhi attoniti di chi lo vede passare. Il resoconto, narrato in prima persona, di un’esperienza indimenticabile, un viaggio alla scoperta di un passato e di una realtà che sembrano lontanissime dalle nostre caotiche esistenze cittadine. Finché non si apre la porta dello scompartimento e nel treno si riversa una processione di personaggi in costume, solenni e silenziosi; saranno usciti da un antico dipinto, e spariranno nel fumo della ciminiera, oppure sono tangibili e in carne ed ossa?
“Una vita per il mare” – Della Costa Concordia e della sua tragica fine al largo dell’Isola del Giglio, in cui troppe persone hanno persone hanno perso la vita, si è scritto di tutto e di più. Mai, però, era stata la nave a raccontare in prima persona quei drammatici eventi. Con un espediente narrativo che ha radici antichissime, la Concordia ripercorre i momenti salienti della sua esistenza, dal primo battesimo del mare al fatidico scoglio che ne segnerà il declino e l’inevitabile fine. Una vita in cui nel suo cuore di nave da crociera ha continuato a riecheggiare, dolce e struggente, la voce del mare.
“Galeotto fu il ripieno!” – Un viaggio nel caos di profumi, sapori e voci che animano la trattoria della signora Giulietta, affolatissima nel giorno di piena. Il grande ospite d’onore, naturalmente, è il patron del ristorante, il commendator Astolfo; è di rigore quindi preparare il suo piatto preferito, i ravioli di carne dall’insuperabile ripieno fragrante. Ma quando i due pestiferi figli tredicenni della signora Giulietta decidono di “aiutare” la madre in cucina, i guai sono letteralmente dietro l’angolo… per il divertimento del lettore (ma non del povero commendator Astolfo!).

La sezione “Perle nere” (storie del mistero e del terrore) comprende i racconti:
“Un messaggio dall’aldilà” – A Bagnara di Romagna fervono i preparativi per una grande rassegna gastronomica che incoronerà il piatto più creativo. Ma quando il cuoco Gianmarco viene trovato morto, il suo team non crede alla dinamica di un incidente. GIanmarco non era tipo da lasciare il gas acceso; se è caduto e ha picchiato la testa, dev’esserci lo zampino di qualcuno, forse proprio del misterioso “uomo del gas” (o era un idraulico?) che i vicini avevano visto il giorno della sua morte. Un tipo assolutamente comune, insospettabile e dunque “senza volto”, che potrebbe essere ancorain giro… e pronto a colpire ancora.
“Alla salute!” – L’anziano signor Ermanno muore di infarto proprio durante la partita della sua squadra del cuore, a casa dell’amico Argo. Al funerale, quest’ultimo scopre che il medico curante di Ermanno, il dottor Balduccio, non è troppo convinto da quella morte. Ermanno, infatti, pur avendo avuto un passato difficile (attacco cardiaco, peacemaker…) si era messo a regime, non fumava e soprattutto aveva rinunciato alla passione per la birra, che lui e Argo condividevano. Strano quindi che la sua fine sia sopraggiunta così all’improvviso quando l’uomo aveva imbracciato la retta via. Il dottor Balduccio ed Argo decidono di fare chiarezza sulle circostanze della sua morte, ma alcuni segreti forse andrebbero lasciati sepolti…
“Non comprate al mercatino!” – Lo chiamano tutti mercatino di Passo del Trà ed è un’istituzione, nella città del protagonista senza nome di questo racconto. Solo lui, per una ragione o per l’altra, non è mai riuscito a visitarlo. Finchè, in un’uggiosa domenica di Halloween, il nostro disgraziato eroe decide finalmente di sfidare l’ignoto e avventuarsi al mercatino. Gli stand sono tutti chiusi, ma da un banchetto un po’ in disparte, un uomo vestito di bianco gesticola per attirare la sua attenzione. Fra tante vecchie cianfrusaglie, il protagonista è colpito da un ventilatore che sembra nuovo di zecca. Non può sapere che il mercatino nasconde una terribile verità, e che la sua vita sta per trasformarsi in un incubo claustrofobico…
“Beware the open market” – lo stesso racconto, riportato nell’originale inglese. Infatti “Non comprate al mercatino” era nato come storia del terrore in inglese, scritto in occasione della festa di Halloween, ed è stato tradotto per l’italiano solo in occasione dell’uscita in volume dei racconti.

Biografia
Cristina Pezzica nasce a Genova il 27 Dicembre 1986. Ha frequentato il liceo Classico G. D’Oria e l’Università di Lingue e Letterature Straniere di Genova, specializzandosi soprattutto nell’inglese settoriale. Ama scrivere fin da piccolissima; nel 1994 riceve un premio speciale al concorso di poesia “Circoscrizione Staglieno”, cui partecipa fuori gara per limiti d’età. Nel 1997 è la volta del suo primo “libro” che scrive, illustra e realizza personalmente, e che viene stampato da sua nonna per i compagni delle elementari.
Da allora non ha mai smesso di dedicarsi alla scrittura, per diletto e per lavoro. Ha collaborato al volume “A Molassana da un Secolo”, alle antologie “Il mare tra le righe” (Morgan Miller), “Storie a quattro zampe” (La Zisa) e “Istantanee 1” (PubMe, di prossima pubblicazione) e firmato articoli per blog, portali, riviste settoriali e bollettini; per un triennio è stata anche webmistress, Focal Point e Sindaco presso il SHC-I, Siberian Husky Club – Italia, per il Piemonte, la Liguria e la Val d’Aosta. Vive a Genova, ma il suo cuore è per sempre legato alla città di Rapallo. Dal 2017 con la Ravess SRL svolge il ruolo di promoter per conto dell’AIRC (Associazione Italiana Ricerca Contro il Cancro), fondata da Umberto Veronesi.
E’ appassionata di libri gialli e thriller, arte digitale, web design, animali (soprattutto lupi, cani e gatti) e fumetto, oltre che… della buona cucina!
Nel 2014 ha pubblicato l’antologia “Una collana di perle”, in cartaceo con Lulu e in ebook con Youcanprint. Nel 2017 è stata la volta di “Aracnofobia”, edito da PubMe; un libro umoristico che svela i retroscena della lotta senza quartiere fra aracnofobi e ragni, in un crescendo di risate, citazioni nerd/pop ed esilaranti siparietti. Attualmente è al lavoro su un thriller (di prossima pubblicazione), un libro di racconti e una graphic novel.

Blog Personale
Profilo Facebook
Pagina Facebook
Twitter

Formato libro: Cartaceo e Ebook
Casa Editrice: Self Published (Lulu & Youcanprint)
ISBN: 9781326074357
Numero pagine: 172
Prezzo: 23,90 (cartaceo) – 5,99 (Ebook)

Mobile Sliding Menu

Translate »