Crea sito

Intervista a Martina Michelangeli

Intervista a Martina Michelangeli, a cura di “Il Mondo dello Scrittore”

Racconta la tua esperienza come autoreLapersonalitàdelDonGiovanni
La mia esperienza di autore nasco nel marzo 2014, con la pubblicazione del mio primo libro di critica dantesca: ho analizzato attraverso alcune serie rimiche del canto V e del canto XXXIII dell’Inferno la visione del Bene e del Male nella “Divina Commedia” di Dante Alighieri. A luglio è stato pubblicato un altro libro di critica dantesca, che sarà presentato il 20 settembre. La mio ultima fatica è un saggio di critica letteraria e teatrale, in cui analizzo una delle figure più affascinanti e misteriose del teatro: il Don Giovanni.

Che cosa ispira il tuo modo di scrivere
Amo scrivere nel genere della saggistica: credo che le parole degli autori siano il mezzo più fedele per scoprire il significato di un’opera letteraria. Il mio “lavoro” è quello di dare un nuovo punto di vista restando comunque fedele alle parole del testo, senza modificarlo o dando mie interpretazioni che potrebbero cambiare il senso primario dell’Opera. Il mio desiderio attraverso la mia scrittura è di avvicinare il pubblico alle opere letterarie, leggere direttamente le parole di quegli autori che ancora oggi dopo anni sono sempre presenti nelle nostre menti e nella nostra cultura.

Parla della trama del tuo libro
Il mio libro tratta di un famoso personaggio letterario e del teatro: il Don Giovanni; un uomo che ha sempre affascinato gli artisti nel corso della storia: la figura del “donnaiolo”, appartenete alla nobiltà che si innamora facilmente delle fanciulle che incontra per la sua strada e con la stessa facilità se ne dimentica, è entrato senza sforzo nelle pagine della cultura letteraria; a tal punto che anche ai nostri giorni un uomo il cui intento è quello di aumentare le sue conquiste amorose viene indicato come un “Don Giovanni”. Nel mio saggio analizzo, attraverso la lettura diretta delle opere più famose composte sulla figura del Don Giovanni, la storia e l’evoluzione di questo personaggio nei diversi campi dell’arte (dal teatro, alla letteratura fino alla musica, con la grande opera di Mozart sul libretto di Lorenzo da Ponte), per scoprire tramite i dialoghi, le parole e il particolare linguaggio che Don! Giovanni usa durante le sue molteplici avventure, un lessico che caratterizza quel modo di fare così affascinante da renderlo un personaggio popolare sin dal 1600.

I tuoi personaggi prendono spunto da alcuni lati del tuo carattere
Non molto, forse solo per un dettaglio che potrebbe unire il Sommo Dante all’affascinante Don Giovanni: il mistero. Un elemento che mi ha sempre colpito e che credo non debba mai mancare nella vita e nei rapporti umani.

Prediligi un genere specifico oppure la tua scrittura spazia in altri campi
Come genere per la mia scrittura preferisco il saggio, mentre per quanto riguarda il genere per la lettura di “piacere” preferisco i gialli e i thriller: il tema del mistero non manca mai!

Quali sono i tuoi progetti per il futuro
Ho altri progetti “in costruzione”, che mi terranno occupata con la scrittura di altri libri anche per gli inizi del 2015. Intanto continuerò a portare avanti i miei eventi culturali: organizzo da febbraio del 2014 letture pubbliche della “Divina Commedia” di Dante, e ovviamente, le presentazioni dei miei libri.

Cosa consiglieresti a un autore esordiente
Di non mollare mai e di credere SEMPRE nei proprio sogni! Anche se ci saranno tante porte chiuse in faccia, prima o poi arriverà quel portone che darà l’opportunità di dimostrare il proprio valore! BISOGNA CREDERE NEL FUTURO!

Link all’acquisto IBS

Related Post

Leave a reply:

Your email address will not be published.

5 × 3 =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »