Crea sito

Recensione di Nadia Milone

Può una storia d’amore essere già stabilita dal destino? Sembra di sì, o almeno è quello che è capitato a Samuel e Angelica. Due persone con un passato pesante e un futuro da ricostruire. E poi c’è Camilla, una bambina veramente speciale, decisamente più matura e arguta delle bambine della sua età, con una sensibilità spiccata e un suo particolare modo di vedere il mondo, forse anche a causa di ciò che ha dovuto sopportare nonostante la sua tenera età. Abbandonata dal padre ancor prima della sua nascita, deve affrontare una tremenda sfida: un trapianto di cornee che le regalerà la vista.

La storia tra Angelica e Samuel ha davvero dell’incredibile, sembra che la loro unione sia voluta fortemente da qualcuno che veglia su di loro, una presenza silenziosa che si rivela sotto forma di una grande farfalla dalle ali azzurre, sulle note di una meravigliosa canzone di Alberto Fortis, “Angelo”.

E’ un romanzo che impressiona, per certi versi, perché mi ha costretta a domandarmi se davvero esiste qualcosa, al di là di noi e della nostra volontà, in grado di pilotare il nostro destino. Siamo tutti portati a pensare che se una cosa deve succedere, succede, indipendentemente dalla nostra volontà e dalle avversità della vita, ma ci siamo mai chiesti il perché? Chi guida questo nostro destino? Abbiamo tutti un angelo che veglia su di noi e ci aiuta a trovare la nostra strada? E’ bellissimo crederlo… Comunque sia, per Angelica e Samuel è andata proprio così.

E’ una storia stupenda, incredibile, che fa sognare ed emozionare e porta inevitabilmente a riflettere. Consiglio questo libro a tutti coloro che credono nel destino, nei sogni e nell’amore vero, a coloro che sanno vedere oltre le apparenze e le regole per volare con una mente più aperta incontro ai segni che la vita ci pone dinnanzi e davanti ai quali non si può far altro che aprire finalmente gli occhi e afferrarli.

Un romanzo scorrevole, molto ben scritto e curato nella forma come nell’ortografia. Una storia da leggere e gustare fino in fondo, lasciandosi trasportare dal suo alone di magia.

Leave a reply:

Your email address will not be published.

tre × 2 =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »