Crea sito

Intervista a Loriana Lucciarini

Intervista a Loriana Lucciarini, a cura di “Il Mondo dello Scrittore”

Racconta la tua esperienza come autoreilcielodinghilterra
Scrivere fa parte di me, da sempre. Fin da piccola ho privilegiato la forma scritta ad altre espressioni comunicative perché ho trovato il modo giusto che mi offre l’opportunità di esprimermi attraverso le parole. Scrivendo penso e trovo la giusta locuzione che riesce a dare forma a pensieri, concetti, idee. C’è di fondo la spinta a voler trasporre per iscritto emozioni e immagini, a riuscire a trasmetterle e a saper raccontare storie. Così, negli anni, hanno preso vita i miei libri: poesia, racconti, romanzi, avventure per ragazzi… dietro ognuno di questi piccoli volumi c’è tanto lavoro, passione e la spinta di un sogno: diventare scrittrice. Un sogno difficile: servono determinazione e sacrificio, per realizzarlo, per superare tutte le difficoltà. E soprattutto, occorre trovare l’editore serio che punta su di te e che decide di trasformare il sogno in realtà. Io l’ho trovato: Arpeggio Libero – un editore free – che ha deciso di dar vita al mio primo romanzo, “Il Cielo d’Inghilterra”, appunto!

Che cosa ispira il tuo modo di scrivere
Sono le emozioni a ispirare la mia scrittura, assieme al tentativo di mettere in luce situazioni e sentimenti.

Parla della trama del tuo libro
Cristina è un’adolescente italiana simpatica e disponibile, che aiuta i suoi nella gestione della piccola pensione turistica ubicata nel centro storico di Roma. Conosce un’anziana vedova inglese e tra le due nasce subito un affetto profondo. Quando, qualche anno dopo, Cristina riceve una lettera dall’Inghilterra che la nomina erede dell’anziana signora, la sua tranquilla esistenza prende una piega assolutamente inaspettata…

I tuoi personaggi prendono spunto da alcuni lati del tuo carattere
Io ho un carattere complesso e multisfaccettato e in genere non trasporto ciò che sono nella creazione dei miei personaggi. Quello che mi rappresenta di più ne “Il Cielo d’Inghilterra” è lo stile di scrittura: la penna è lieve e delicata ed è la stessa con sensibilità con la quale affronto i sentimenti e le emozioni. La stessa, vibrante al tocco, di quando scrivo le mie poesie…

Prediligi un genere specifico oppure la tua scrittura spazia in altri campi
Come lettrice sono onnivora, altrettanto lo sono nella scrittura. Spazio dalla poesia alla prosa, dalla narrativa per ragazzi, ai romanzi, dalle fiabe per bambini ai racconti fantasy, dal noir,agli articoli di attualità, dal romanzo d’introspezione a quello di denuncia.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro
Molti progetti sono in fase di realizzazione e tanti altri sono in via di programmazione. Mi auguro che il notevole impegno e lavoro venga ripagato con la realizzazione delle cose a cui tengo. Tra le cose più importanti: due progetti solidali, un progetto contro la violenza sulle donne, trovare un editore per il mio nuovo romanzo, terminare la stesura di un romanzo scritto in collaborazione con un’altra autrice, completare vari racconti ancora in fase di lavorazione…

Cosa consiglieresti a un autore esordiente
Impegno, lavoro e autostima. Ecco le qualità che servono per realizzare i propri progetti. Valgono per ogni aspetto della vita, ancor di più nel campo editoriale. Il lavoro è utile per migliorare il proprio stile, limare i difetti e trasformare l’idea iniziale in un testo che sprigioni emozione. L’impegno è quello che porta le possibilità a muoversi verso la via della realizzazione. La stima è necessaria per non mollare, dopo i primi rifiuti e recensioni negative. Queste tre qualità sono cicliche: si ripetono all’infinito e vanno messe in moto praticamente ogni istante della nostra passione scrittura!

Link all’acquistoArpeggio Libero

Related Post

Leave a reply:

Your email address will not be published.

diciannove − 4 =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »