Crea sito

Recensione di Anna Maria Palazzi

Consumando i giorni con sguardi diversi di Andrea Leonelli

Le poesie che compongono la seconda parte dell’opera di Andrea Leonelli, “CONSUMANDO I GIORNI”, sono copertina con logo e titolo3caratterizzate da un certo disincanto verso la realtà.
Ma se in “SELEZIONE COLPEVOLE” vi era l’annullamento di qualsiasi emozione, in quanto la rabbia e l’impotenza ne avevano preso il sopravvento, qui, in CONSUMANDO I GIORNI, emerge, in modo costante, il bisogno di tenerezza.
Questo corpo che procede per inerzia, ma in fondo al tunnel si intravede una luce.
Si respira, in queste poesie, il bisogno di aprirsi a nuovi orizzonti, percorrere nuove strade.

Gli altri non vengono più visti come nebbia, ma si distinguono dalle loro diverse reazioni nei confronti della vita.
Vi è il bisogno di riprovare a vivere, dopo un fallimento, con la libertà anche di poter nuovamente sbagliare.
Permane comunque questo strascico di sofferenza: “sogni accartocciati su fogli inzuppati di lacrime e cuore”,
ma la vita inizia a pulsare, liberando anche la parte istintiva, animale. Non più allora solo spirito, solo cenere.
Vi è un altalenarsi di ricordi e di sommesse spinte verso nuovi orizzonti.
In queste poesie vi è una liberazione della mente la quale, rimasta forse, per troppo tempo, soggiogata da una situazione di dolore, ora ha la necessità di vagare, spaziare in mondi fantastici, privi di qualsiasi contorno e di riferimenti al reale.
C’è molto di spirituale in queste poesie: l’inquietudine di un animo che non trova la propria collocazione.
La sofferenza sperimentata accompagna ancora queste poesie, anche se ora emerge il bisogno di andare oltre confini ignoti,…non ripetizioni.
E, come un bambino che , quando si risveglia nuovamente alla vita prima la osserva, la studia, ci gioca con essa, così in queste poesie, il bisogno di prendersi del tempo, di curarsi le ferite per poter poi immergersi, in modo nuovo, alla vita per esserne ancora protagonista.

Related Post

Leave a reply:

Your email address will not be published.

nove + 16 =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »