Crea sito

Guarona Marco

  • LE NOVELLE DELLA MEZZANOTTE
  • UN DELITTO QUASI PERFETTO
  • wow slider
  • la via delle spezie
css slider by WOWSlider.com v8.6

BiografiaMarco Guarona

Sono nato nel 1949; maturità classica e laurea in ingegneria per cercare una formazione culturale più completa, una volta in pensione ho ripreso la passione della giovinezza: scrivere. Divido le giornate tra Torino e Andora alternando lo scrivere alla lettura, al gioco del bridge e alla cura di un piccolo orto e frutteto. Per me la vita quotidiana, così ricca di fatti e personaggi che parrebbero inventati se non fossero veri, è una inesauribile fonte di ispirazione: basta camminare con lo sguardo attento, mescolarsi alla gente per coglierne i discorsi, osservarne i comportamenti, ascoltare racconti degli anziani. Ma scrivere è anche un modo per liberare la fantasia e governare le proprie emozioni, e questi concetti si traducono nei romanzi e nelle novelle in una alternanza di ricordi, trasposizioni di esperienze personali o d’ altri, voli di fantasia indotti da situazioni colte per strada. Ho esordito nel 2011 pubblicando “La via delle spezie”, il mio primo romanzo; nel 2013 ho scritto il secondo romanzo, “Un delitto quasi perfetto” e la raccolta di novelle “Storie bislacche” cui sono seguiti nel 2014 un terzo romanzo, “Il dominio dei triangoli”, ora in fase di revisione, e nel 2015 una seconda raccolta di racconti, “Le novelle della mezzanotte.” In tutti i romanzi la trama ‘gialla’ è quasi un pretesto, spesso si prendono la scena vicende legate all’attualità del momento , i ricordi di esperienze vissute dai protagonisti,episodi di vita quotidiana, digressioni che talvolta risultano veri e propri racconti nel racconto. Sono in cantiere altri scritti, non solo appartenenti al genere poliziesco: alcuni segnano l’accantonamento temporaneo del genere giallo per un filone narrativo più rivolto alla vita reale e dipingono un quadro cinico del degrado dei rapporti famigliari e di quell’assenza di rispetto del prossimo e di scrupoli morali che paiono così diffusi nella società italiana del nostro tempo. In stesura anche qualche escursione nel campo del fiabesco e in quello del surreale per rispondere al gusto della sperimentazione, perché lo scrivere, oltre che rispondere alla voglia di comunicare, oltre che avere talvolta una funzione catartica, è anche spesso puro divertimento. Non poteva mancare una giovanile escursione nella poesia: “Anni 18” è una raccolta di versi scritti tra i sedici e i diciotto anni con l’ingenuità dell’adolescente che passa dall’emozione del primo amore, al dolore per la sua fine che muta in malinconia, alla ritrovata gioia di vivere.

Blog Personale
Profilo Facebook
Pagina Facebook

Related Post

Mobile Sliding Menu

Translate »