Crea sito

Recensione di Milita Lino

Selvaggia, i Chiaroscuri di Personalità di Giovanni Garufi Bozza

Questi chiaroscuri di personalità offrono un percorso di formazione per i protagonisti: Selvaggia, la ragazza dalle07110-selvaggia multiformi sfaccettature e Daniel il narratore delle vite reali e irreali. L’inclinazione alla curiosa sorpresa e al bisogno di formulare un senso complessivo della propria esistenza, accomuna le inclinazioni dei due giovani. Il mistero e la tragedia sovrastano i primi passi del loro percorso, e il pudore di scoprire la capacità di amare e di provare diversi modi di vivere genera reciproche domande. In una prima fase sembra che Selvaggia sia offerta dall’analisi e dal punto di vista di Daniel, come se fosse uno psicologo in attività. Nel corso degli eventi, la distinzione sfuma e le identità e i personaggi si avvicinano parlando alla pari l’un l’altro, coinvolgendo amici e parenti. Selvaggia si muove nello spazio determinando il ritmo nel percorrere i luoghi di Roma che è rievocata in forma quasi mitica per chi non l’abbia mai frequentata, e per gli altri è quasi familiare, anzi addirittura gergale perché immediatamente riconoscibile nei modi di dire e di vivere di alcuni specifici quartieri. Daniel si muove nel tempo scandendo il ritmo della narrazione sdoppiandosi tra un io narrato e l’io narrante. Selvaggia esige di non essere inquadrata e descritta nei luoghi in cui agisce e Daniel cerca di essere un passo più avanti rispetto allo scorrere degli eventi. In questo libro non tutto è strettamente circoscrivibile in sicure descrizioni e determinate azioni. Ognuno è molto e tanto di più di quello che appare nell’offrire specchi dai quali noi si possa riconoscere qualche nostra immagine.

Related Post

Leave a reply:

Your email address will not be published.

due × tre =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »