Crea sito

Recensione di Alessandro Vizzino

Selvaggia, i Chiaroscuri di Personalità di Giovanni Garufi Bozza

Una dicotomia patologica, ai limiti dell’eccessivo, pur se mai resa inverosimile dall’autore e tristemente aderente 07110-selvaggiaprocessi di insicurezza e solitudine che caratterizzano le giovani generazioni di oggi e non solo. Al di sotto di tale sdoppiamento tuttavia, tra Selvaggia e Martina, vive una persona che cova, in modo più o meno recondito, il miraggio che qualcuno sveli la dicotomia, che la conosca e la condivida. Quel qualcuno arriva ed è Daniel, pronto anche a trasformare in parte se stesso, per andare incontro alla duplice compagna Selvaggia/Martina, fino a un finale malinconico e, sulle ultime frasi, forse un po’ onirico, porta lasciata aperta dall’autore affinché fantasia e interpretazione del lettore possano uscire e svilupparsi in piena libertà. È un romanzo d’introspezione psicologica, ma senza pedanterie accademiche. Un romanzo che scivola via in ogni singola pagina, dall’inizio alla fine. È soprattutto una storia d’amore, di un grande amore, che si manifesta in maniera poco convenzionale e, proprio per questo, ancora più vera: l’amore che non tende esclusivamente alla soddisfazione dei propri impulsi ma a quella delle altrui necessità.

Related Post

Leave a reply:

Your email address will not be published.

cinque + sette =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »