Crea sito

Recensione di Giancarlo

Selvaggia, i Chiaroscuri di Personalità di Giovanni Garufi Bozza

Devo confessare che ho iniziato a leggere questo romanzo con la mia solita sciocca perplessità nelSelvaggia - Narrativa confrontarmi con un genere letterario che non figura spesso nella mia biblioteca, poi, pian piano, mi sono fatto coinvolgere da questa “bizzarra” storia. Giovanni Garufi Bozza, l’autore, è riuscito a catturare la mia attenzione con la sua prosa fluida, moderna e “leggera”. Il giovane protagonista, Daniel (il cui nome tronco non è casuale), mi ha subito colpito per la sua ingenua freschezza. Di questi tempi, pieni di strafighi/ultramachi o fascinosi falsi perdenti, ritrovare un personaggio d’altri tempi (“idealista, sprovveduto e imbranato”) è stata una piacevole novità. Per un abile contrasto, la duplice controparte femminile Selvaggia/Martina, spicca per la sua enigmatica complessità psicologica. Ambientata in una Roma ordinaria, vissuta quotidianamente e senza particolari patemi da tutti i personaggi (dettaglio questo che non appesantisce la ! trama con troppe divagazioni socio-economiche-politiche-urbanistiche), la trama principale (grazie ai numerosi dialoghi) scivola via senza intoppi verso un finale prevedibile (e proprio per questo abbastanza realistico, poiché la realtà è quasi sempre prevedibile) ma tutt’altro che scontato o posticcio. Detto questo, ritengo di poter consigliare questo libro a chi apprezza le storie italiane contemporanee, un pò ambique e psicanalitiche,ma ben scritte e di piacevole scorrevolezza. In ogni caso il personaggio di Selvaggia/Martina è uno di quelli che restano impressi nella memoria.

Dove si acquista – Amazon.it

Related Post

Leave a reply:

Your email address will not be published.

9 − 9 =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »