Crea sito

La Pavoncella

La pavoncellaLA PAVONCELLA di Emanuele Gagliardi

Link all’acquisto

AmazonKobo

Trama

Nella notte tra il 1° e il 2 novembre 1975 muore Pier Paolo Pasolini. Morte violenta, squallida… “pasoliniana” a tutti gli effetti. Pino Pelosi, il “ragazzo di vita” che lo ha massacrato a legnate e gli ha rubato l’auto con cui lo ha investito già esanime, catturato poco dopo, confessa. Benché vi siano incongruenze, parecchie incongruenze, l’idea dell’assassinio maturato nell’ambiente della prostituzione omosessuale soddisfa i media e l’opinione pubblica. Ma fra gli intellettuali, come nelle forze dell’ordine, molti non sono convinti. Circola un’inquietante ipotesi che collegherebbe la fine di Pasolini alle “lotte di potere” all’interno del settore petrolchimico, tra ENI e Montedison, tra Enrico Mattei (morto nel ’62 in circostanze non meno dubbie) ed il suo vice Eugenio Cefis. Pasolini, infatti, si era interessato al ruolo di Cefis nella storia e nella politica italiana facendone uno dei personaggi chiave del! misterioso romanzo-inchiesta a cui stava lavorando prima della morte. Così, quando in seguito, a distanza di una settimana l’uno dall’altro, vengono trovati i cadaveri seminudi di due alti dirigenti dell’ENI e spuntano le copie ciclostilate degli appunti di Pasolini con i nomi di maggiorenti della DC e dell’ENI legati alle vicende dello stragismo italiano, un brivido scuote parecchie schiene nei palazzi del potere. Oltre alla pista politica, però, altre sono possibili, e recano l’impronta di due donne: Santina Martino, ammaliante pittrice e ballerina di danze orientali che usa la sua avvenenza per irretire e spillar soldi a facoltosi manager e Luana Dabrowska, moglie del Prefetto di Roma, dirigente all’ENI come i due morti, algida carrierista; una donna dal passato oscuro le cui origini si perdono nella tragedia della repressione nazista nel ghetto di Varsavia. Due sirene… che renderanno a Soccodato molto difficile dipanare l’intricata matassa.

Biografia

(Roma, 1969). Sposato, una figlia, giornalista pubblicista, laureato in Scienze Politiche, lavora in RAI dal 1999. emanuelegagliardiEsperto di politica internazionale e di storia contemporanea dell’Estremo Oriente, collabora con saggi e articoli su riviste specializzate come Studi Cattolici, Nova Historica, Radici Cristiane, Corrispondenza Romana ed è direttore responsabile dell’agenzia online Cultura&Identità. Con il romanzo noir “La Maschera” (Rai Eri, 2011) ha vinto l’edizione 2011 del Premio Letterario NarreRai (destinato ai dipendenti del gruppo RAI) e si è classificato terzo al Premio Carver 2012. Nel 2013 si è aggiudicato il secondo posto alla IV Edizione del Concorso Grangiallo a Castelbrando con il romanzo inedito “Un’ombra”, ha pubblicato un altro thriller vintage dal titolo “La neve” (Europa Edizioni, 2013) che ha raggiunto il 2º posto al Premio Letterario Nazionale «Autore di te stesso» ed ha ricevuto il Diploma d’onore della Giuria del Premio Letterario Internazionale Trofeo Penna d’Autore. Si è classificato al quarto posto ex aequo alla VII edizione del Premio Letterario Giovane Holden con “Un’estate” (Giovane Holden Edizioni, 2014) e il suo quinto romanzo “La pavoncella”, come gli altri di genere thriller-noir-vintage, ha ricevuto il primo premio al I Concorso Edizioni Esordienti E-book (2014). Ha l’hobby della fotografia, prevalentemente in bianco e nero ed esclusivamente con apparecchi a pellicola. Scrive le prime stesure dei suoi romanzi con una Olivetti Lexicon 80 del 1948.

Blog Personale
Pagina Facebook

Formato Libro: Cartaceo e Ebook
Casa Editrice: Edizioni Esordienti Ebook
ISBN: 978-88-6690-181-5
Numero Pagine: 190
Prezzo: €12.00

Related Post

Leave a reply:

Your email address will not be published.

16 − tredici =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »