Crea sito

Gagliardi Emanuele

LANEVELa neve

Link all’acquisto

Europa Edizioni

 

Trama

UN «COLD CASE» TUTTO ITALIANO
Marzo 1971: temperature polari e neve a Roma e in tutta Italia. Paese Sera svela le trame del Golpe Borghese. Un tubo rotto a causa del gelo e la conseguente perdita d’acqua, spingono il proprietario d’un seminterrato in Via Germanico, nel quartiere Prati, a chiamare l’idraulico. Per riparare il danno l’operaio butta giù un tramezzo e… macabra scoperta! In quello che era un vecchio gabinetto, viene rinvenuto, seduto su un water di antica foggia, il cadavere semi-mummificato di una donna a cui manca uno degli arti inferiori. Stringe fra le mani una busta di cellophane con dentro una copia de L’Espresso del 14 maggio 1967. Accanto al cadavere, l’arto ortopedico – staccatosi dopo la decomposizione del moncone – e una borsa piena di cartoline illustrate risalenti agli ultimi anni della II Guerra mondiale. Il numero de L’Espresso è quello in cui Lino Jannuzzi accusa l’ex presidente della Repubblica Antonio Segni di aver appoggiato il Piano Solo, altro colpo di stato di destra abortito nel 1964 che proprio in quelle fredde giornate sta tornando alla ribalta in seguito alle rivelazioni sul complotto guidato dal principe Junio Valerio Borghese. Il commissario Umberto Soccodato della Sezione Omicidi indaga. Si imbatte in un vecchio bizzarro musicista che è stato spia dell’OVRA durante il fascismo e dei servizi segreti deviati in epoca repubblicana; corre appresso a Firmina, ectoplasmatica partigiana dichiarata presumibilmente morta nel ’44, e a sua sorella Fermina. Le due, sin dai tempi della scuola, solevano scambiarsi il nome di battesimo per cavarsi dagli impicci, e forse anche stavolta…

Biografia

Emanuele Gagliardi (Roma, 1969). Sposato, una figlia, giornalista pubblicista, laureato in Scienze Politiche, lavora in emanuelegagliardiRAI dal 1999. Esperto di politica internazionale e di storia contemporanea dell’Estremo Oriente, collabora con saggi e articoli su riviste specializzate come Studi Cattolici, Nova Historica, Radici Cristiane, Corrispondenza Romana ed è direttore responsabile dell’agenzia online Cultura&Identità. Con il romanzo noir La Maschera (Rai Eri, 2011) ha vinto la II Edizione del Premio Letterario NarreRai (destinato ai dipendenti del gruppo RAI) e si è classificato terzo al Premio Carver 2012. Nel 2013 si è aggiudicato il secondo posto alla IV Edizione del Concorso Grangiallo a Castelbrando con il romanzo inedito Un’ombra, ha pubblicato un altro giallo vintage dal titolo La neve (Europa Edizioni) e si è classificato al quarto posto ex aequo alla VII edizione del Premio Letterario Giovane Holden con Un’estate (Giovane Holden Edizioni, 2014). Il suo quinto romanzo La pavoncella, come gli altri di genere giallo-noir-vintage, ha ricevuto il primo premio al I Concorso Edizioni Esordienti E-book (2014).

Pagina Facebook

Formato Libro: Cartaceo
Casa Editrice: Europa Edizioni
ISBN: 978-88-6854-001-2
Numero Pagine: 140
Prezzo: 13,90

Related Post

3 commentsOn Gagliardi Emanuele

  • LA NEVE è un ottimo libro che consiglio vivamente. di Gagliardi ho letto pure La pavoncella. Adoro le atmosfere vintage che l’autore descrive con tanta perizia che pare di rivivere davvero gli anni 70.

  • Ottimo intreccio tra poliziesco e spY story. Va letto.

  • Consiglio la lettura dei romanzi di Gagliardi per tuffarsi fra le onde della memoria. Non avevo mai letto libri che riuscissero tanto bene a ricostruire gli anni 60 e 70 al punto da non sembrare neanche una “ricostruzione”! Le citazioni delle canzoni di quelle epoche mi hanno commossa… E il bello è che alla fine si tratta di veri e propri NOIR

Leave a reply:

Your email address will not be published.

quattro × uno =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »