Crea sito

Recensione di Marina Atzori

Il segreto della Luna di Diego Fois

Recensione di Marina AtzoriInizio subito dicendo che, il libro in questione può tranquillamente rientrare tra le scelte di un lettore adulto, pur essendo indirizzato a un pubblico più giovane. Lo stile presente nel “Il segreto della Luna” rivela infatti una certa attenzione e molta cura nella scelta dei contenuti. L’autore a tratti, si esprime in modo delicato e quasi poetico. Allo stesso tempo ho potuto notare un interessante approfondimento della complessità che ruota attorno all’animo umano e i suoi aspetti controversi.

Riporto qui di seguito un breve passaggio scritto da Fois, per poter meglio argomentare la mia premessa.

“Volevo rubare le stelle. Ma non per incorrere in chissà quale reato, solo per toccarne la sostanza. Per scoprire se fossero morbide e calde o fredde e pungenti.”

Queste parole scritte non di certo per caso, hanno alimentato nella sottoscritta, l’impressione di essere spettatrice del mondo e dei suoi molteplici retroscena.  Pur non essendo più una ragazzzina ho potuto leggere tra le righe le sembianze più intime e profonde dei sentimenti, quelli che normalmente si fa fatica a vedere, perché si nascondono silenziosi, come fossero dietro a un velo; quei sentimenti che, a mio avviso, per comprenderne il senso devi per forza andare oltre, guardarti dentro ed essere cresciuto in fretta. Diego Fois è senza ombra di dubbio un autore che non si accontenta di stare in superficie, ma che si inoltra nei fondali delle emozioni, fino a stare in apnea, immerso nelle “cose” che contano: i sogni e le aspirazioni. Leggere questo libro è stato, sotto alcuni punti di vista, un invito ad osservare la vita da molto vicino, attraverso lo sguardo della speranza e dell’ingenuità tipiche di un bambino. Tuttavia, come accennato all’inizio, non sempre è stato così. Questa forse è la sorpresa più intrigante di questa bella Storia. Dietro la tenda di una sorta di sipario immaginario ho visto anche la Natura complessa dell’uomo e la consapevolezza di una immensa fragilità. Intorno ai concetti di sostanza di questo speciale manoscritto ho apprezzato mille intenzioni e altrettanti mille modi autentici di inseguire i desideri in generale, ma forse, uno in particolare, tende a spiccare su tutti gli altri: la volontà dell’autore di arrivare, un giorno, al cuore del lettore. L’arte di scrivere con semplicità a volte, come in questo caso, si prende lo spazio che merita e diventa efficace nei suoi intenti più difficili da realizzare.

Diego Fois scrive e arriva, anche facendosi scuso di un’inquietudine sottile ma penetrante. Arriva con una consapevolezza fuori dall’ordinario. Ma non solo, l’autore fa suo, anche il tentativo di comunicare più di un messaggio che non vuole passi inosservato, sia agli occhi degli adulti sia a quelli dei bambini. In qualche modo riesce a realizzare il suo intento, scavando a fondo, nell’anima di ogni figura presente all’interno di questo libro. Proprio come quando ci si prepara ad assistere a uno spettacolo, il lettore leggendo si carica di aspettative che vengono appagate, una ad una. Frase dopo frase si affronta un viaggio, alla ricerca di un mondo migliore, dove non esistano le ingiustizie e l’egoismo, lontano dalla Terra, vicino alla Luna e all’Uomo speciale che ne custodisce il segreto. In questo libro si cerca di andare lontano ad esplorare Pianeti sconosciuti e si vola in alto con la potenza di un “raggio missile” architettato da un bimbo affamato di curiosità e di desiderio di conoscere, utilizzando la formula vincente della fantasia. A rendere ancora più speciale questo libro, sono più di un paio di elementi: un pizzico di magia, e qualche sfumatura tipica della fiaba che conduce alla riflessione, ma non troppo, quel tanto che basta. Insomma c’è spazio anche per qualche sorriso e un filo di sottile leggerezza. Non mancano inoltre, alcuni riferimenti realistici che non guastano, rendendo la lettura abbastanza scorrevole seppure migliorabile.

I personaggi sono bizzarri e rivelatori della società odierna, ricca di illusioni e disillusioni. Ognuno di essi ha un carattere ben preciso, un’esperienza importante da raccontare che può avvicinarsi a quella di chiunque abbia voglia doìi coglierne il senso. Si parla di mete, di sforzi, di paure e di pensare che le cose potrebbero cambiare se solo lo volessimo un po’ di più.

Lo stile di Fois desidera condurci per mano attraversando sentieri, in parte già battuti, in parte rivisti in chiave originale e davvero particolare. In tutto questo c’è anche lo spazio per essere riflessivi e per certi versi introspettivi. Dunque troverete un bel mix di ingredienti piuttosto ben amalgamati. L’autore vuole mostrare la linfa, il midollo, l’essenza delle cose, arrivando anche al nocciolo della sfera sentimentale in modo molto spontaneo e autentico. Dunque nel “Il segreto della Luna”, i desideri non trattengono la volontà di tramutarsi in realtà, vogliono esplodere, ma non sempre si riesce ad essere soddisfatti di quel che si ha tra le mani, così si è costretti ad inseguire futuri ancora troppo incerti, descritti sottoforma di picche senza coda e cuori capovolti. Per amore si soffre, ci si allontana, e a volte non si comprende a pieno quanto i legami possano segnare l’esistenza di un uomo.

“Gli adulti hanno sempre bisogno di soffrire per abbracciare la felicità, in un vortice di contraddizioni continue.”

In questa frase si avverte la paura di stare al mondo, si percepisce l’incapacità di reagire a qualsiasi tipo di situazione.

Questo libro sorprende e conduce a una continua scoperta del mistero della felicità. Cosa impedisce all’uomo di arrivare a questa meta tanto ambita, che sembra sfumare ogni qualvolta si tenta di afferrarla?
In fondo tutti cerchiamo di comporre la vita acchiappando piccoli frammenti di serenità ma spesso non siamo in grado di tenerli stretti perché il timore che non possa durare tende a prevalere.

Forse la missione dell’uomo consiste proprio nel perdersi in questa utopia, nel pensiero di poterla raggiungere un giorno questa spensieretezza, per poi pederla e ricercarla all’infinito.

Chissà quale sarà il vero segreto della Luna di Fois? Chissà se, questo mistero che vive all’ombra di ogni cosa, magari accucciato accanto a stelle calde o pungenti, come le definisce l’autore, conterrà anche parte del nostro segreto più intimo…

Non voglio anticiparvi altro, se non che, cercare di scoprire questo segreto vi regalerà delle bellissime sensazioni, che difficilmente dimenticherete.

Link all’acquisto Amazon

Related Post

Mobile Sliding Menu

Translate »