Crea sito

Carofano Pierluigi e Paliaga Franco

orazio riminaldiOrazio Riminaldi. 1593-1630

Link all’acquisto

LibroCo

Sinossi

Antipodi del Sansone di Grenoble, quindi precedente, è il Martirio di santa Cecilia, certo l’opera più interamente ed intensamente caravaggesca di Riminaldi, un apax all’interno del corpus del pisano. E, d’altro canto, le vicende legate al dipinto narrate nel manoscritto crescenziano – rievocate nel capitolo dedicato alla fortuna critica – fanno capire come esso riscuotesse sin dal suo apparire incondizionato apprezzamento. L’illustre precedente sempre chiamato in causa dalla critica, ovvero l’angelo precipite del Caravaggio nelle Sette opere di misericordia, dà ragione solo in parte dell’attenzione di Riminaldi per la fase più naturalistica del pittore lombardo, che è totale nello spettacolare brano di natura morta in primo piano costituito dallo spartito con violino e archetto resi oggettivamente. Anche in questo caso i rimandi vanno verso il famosissimo Concerto del Monte, ove sulla ribalta è esposta analoga composizione, o a Il suonatore co! n liuto eseguito sempre per il cardinale del Monte. È vero che si tratta di centoni presenti in molte opere di area naturalistica, dai Musici già collezione Piedimonte alle varie versioni della Santa Cecilia con angeli di Antiveduto Gramatica, diffusi anche dal proliferare delle copie caravaggesche sin da subito. Ma il brano di Riminaldi possiede quella lucida rappresentazione del reale, quell'”investigare da sé la natura delle cose col guardare alle cose stesse” (Tommaso Campanella) che lo diresti eseguito nella prima decade del Seicento in contiguità col Caravaggio stesso: una capacità di rappresentazione del visibile mai raggiunta – o forse mai perseguita – ad esempio dal maestro di Riminaldi, Orazio Gentileschi.

Biografia

Pierluigi Carofano è laureato in Lettere Moderne all’Università degli Studi di Pisa, specializzato in Archeologia e Storia dell’Arte ha effettuato anche un dottorato di ricerca in Fortuna nel Moderno e nel Contemporaneo presso l’Università degli Studi di Siena. È insegnante di Storia dell’Arte, autore di numerose pubblicazioni e responsabile di alcune prestigiose riviste.
Franco Paliaga è docente di Storia dell’Arte dopo essersi laureato e specializzato presso il Dipartimento di Storia delle Arti dell’Università degli Studi di Pisa. Borsista alla Fondazione di Storia dell’Arte Roberto Longhi di Firenze, è autore di numerosi libri e saggi sulla pittura italiana del Cinque e del Seicento, apparsi sulle principali riviste italiane. Ha recentemente ottenuto il PhD presso il Dipartimento di Storia e Tutela dei Beni Culturali dell’Università di Udine.

Pagina Libro
Pagina Facebook

Formato Libro: Cartaceo
Casa Editrice: Edizioni dei Soncino
ISBN: 9788897684145
Numero Pagine: 302
Prezzo: 119,00

 

Related Post

Leave a reply:

Your email address will not be published.

venti − 9 =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »