Crea sito

Recensione di Andrea Leonelli

E’ la storia di due amanti narrata attraverso le lettere che uno dei due spedisce all’altro
sono fidanzati per breve periodo poi si lasciano e continuano reincontrarsi periodicamente.
si scambiano lettere, in cui parlano delle loro difficoltà dei loro percorsi di crescita esistenziale delle difficoltà del vivere, delle esperienze condivise e delle motivazioni che li hanno spinti in direzioni talvolta lontane fra loro, talvolta vicine. Le sofferenze dell’esperienza delle crescita in un mondo che ci vorrebbe tutti omologhi, in cui la differenza è vista con sdegno, rabbia, disprezzo. In cui il proprio modo di vivere può segnarti a dito in qualsiasi realtà uno si trovi, il soffrire del non poter essere se stessi e far fatica a perdonarsi di non essere quel che si è. La rabbia per accuse inguiste, per i soprusi e le umiliazioni subite
Poi il finale tragico con la follia e la morte, le lettere alla madre di uno dei protagonisti.
e tanti, tanti significati profondi che possono esser utili a ciascuno di noi, in ogni nostra realtà quotidiana.
L’unica annotazione che posso fare a questo libro è che è discontinuo. Probabilmente scrivendolo come lettere separate da ampi intervalli temporali era inevitabile e magari anche voluto.

Però a momenti è un po’ spiazzante per il resto è profondo e intenso e il dolore e la rabbia sono palpabili per quanto addolciti dal contraltare dell’amore e del sentimento.
per il resto solo bravo!

One commentOn Recensione di Andrea Leonelli

  • Sebastiano Impalà

    Un libro a cui tengo molto, sia per i contenuti che per lo stile. Epistolare, graffiante e senza veli. Grazie gaetano per avermelo inviato da Londra con tanto di autografo.

Leave a reply:

Your email address will not be published.

otto + diciassette =

*

Mobile Sliding Menu

Translate »